Vino biodinamico: proprietà, quali sono le migliori etichette e dove compralo

Il vino è la bevanda alcolica più consumata e apprezzata in Italia, un Paese che vanta una delle più antiche tradizioni al mondo, con una ricchezza e una varietà di vini tra le migliori del pianeta. Tuttavia i vini non sono tutti uguali, infatti oltre a quelli tradizionali negli ultimi anni si stanno diffondendo quelli biologici e soprattutto biodinamici.

Cosa sono i vini biodinamici

I vini biodinamici sono prodotti da uve provenienti da agricolture biodinamiche, dove oltre a non utilizzare pesticidi e sostanze chimiche tossiche, vengono rispettati tutti quei processi naturali del terreno, per quanto riguarda la formazione delle sostanze nutritive.

L’agricoltura biodinamica segue infatti il ciclo lunare, sfruttando a favore della produzione le risorse e i processi della natura. Ciò permette di ottenere uva estremamente sana, con cui realizzare vini con bassissimi livelli di solfiti, solitamente presenti con percentuali comprese tra 60 e 90 microgrammi per litro, a seconda del tipo di vino.

Il vino biodinamico è differente rispetto a quello biologico, poiché quest’ultimo utilizza uve provenienti da agricolture biologiche, dove i pesticidi sono fortemente limitati ma i parte ammessi, in cui inoltre non vengono sempre rispettati i processi naturali del terreno e la lotta organica degli insetti.

I solfiti in particolare, contrassegnati dalle sigle E221 fino alla E228, sono dei conservanti che evitano la formazione di muffe e batteri, i quali oltre a compromettere l’integrità del vino lo rendono un prodotto più sicuro. Allo stesso tempo possono causare anche delle controindicazioni, come mal di testa, intollerenze e irritazioni.

Per questo motivo la scelta di un vino biodinamico è una decisione salutare, per non smettere di bere con moderazione un buon vino, ma limitare l’assunzione di queste sostanze, che se da un lato contrastano il cambiamento di colore del vino e la formazione di microrganismi, dall’altro non proprio un toccasana per la salute.

Le migliori etichette italiane del 2019 di vino biodinamico

Il settore del vino biodinamico è cresciuto molto negli ultimi anni, grazie a una maggiore sensibilizzazione dei consumatori, che stanno optando sempre di più per vini con basse quantità di solfiti e realizzati con processi biologici e biodinamici.

Tra le migliori etichette italiane si possono trovare sia vini estremamente pregiati, provenienti da cantine di altissimo livello, premiati a livello internazionale, che vini locali prodotti da piccole aziende, che da anni offrono ai loro clienti vini di qualità a un prezzo accessibile.

Tra i migliori vini biodinamici c’è sicuramente il Cor Romigberg del 2014, un Cabernet Sauvignon DOC dell’Alto Adige realizzato nell’azienda vinicola Alois Lageder, un prodotto premiato da Gambero Rosso ottenuto con un processo di invecchiamento di 18 mesi.

Da segnalare anche il Gavi DOC 2016, un vino biodinamico bianco prodotto dall’impresa La Raia, fermentato in botti di acciaio con uve di alta qualità, coltivate con procedimenti di fertilizzazione naturale del terreno.

Altrettanto valido è Romangia Rosso IGT Tenores del 2013, della tenuta Dettori, un complesso vino rosso biodinamico realizzato in Sardegna, che non utilizza per la coltivazione delle uve prodotti chimici e aggressivi, ma selezionati meccanismi di concimazione naturale.

Non da meno sono anche vini come il Grotte di Castro di Viterbo, il Vermentino Palmazio 2017 de La Piana Capraia, il Chianti Classico DOP DOCG del 2016 di Badia a Coltibuono, il Poggio Trevvalle, il Campagnatico Sicilia DOP DOC Nero d’Avola del 2016 e il Santeramo in Colle di Bari.

Dove comprare i vini biodinamici?

Per acquistare un vino biodinamico è possibile rivolgersi direttamente alle aziende vinicole, che in alcuni casi effettuano spedizioni per ordini minimi. In alternativa basta recarsi presso alcuni negozi specializzati, tra cui i punti vendita di NaturaSI, i centri ECOR e altri negozi locali che si occupano della vendita di vini biodinamici e alimenti biologici.

Altrimenti è possibile comprare vini biodinamici online, attraverso alcune piattaforme di settore, che permettono di acquistare i prodotti sul web e riceverli al proprio domicilio. Ad esempio è presente la piattaforma specializzata Rollingwine.com, che propone un’ampia selezione di vini naturali, biologici e biodinamici, con spedizioni a partire da 89€.

Un’altra opzione è il portale Tannico.it, che offre una vasta proposta di vini biodinamici e naturali accuratamente selezionati, tra cui il Romangia Bianco IGT Renosu Dettori a 9,26€, l’Urlar Pinot Noir 2014 a 21,50€, oppure il Cannonau di Sardegna DOC Sartiu Sedilesu del 2017 in promozione a 9,90€.

Vini biologici e biodinamici si possono trovare anche su Vino75.com, che mette a disposizione etichette come il Valle de Colchagua DOC del 2015 a 19€, il Vigneti delle Dolomiti IGT Teroldego Sgarzon del 2017 a 28€, oppure il Terre di Cosenza Pollino Rosso Riserva DOP Lacrima.

Infine segnaliamo la piattaforma Gallienoteca.it, un portale che permette di filtrare i vini in base alla tipologia di produzione, quindi biologici, biodinamici, tradizionali o naturali, con vini come il Bandol Rosè Domaine De La Begude del 2017 a 25€, o l’Amphore Trouseau Domaine de l’Octavin del 2015 a 61€.